lunedì 15 giugno 2009

La metropolitana di New York

E' una delle più antiche ed estese rete di trasporto pubblico al mondo, con 468 stazioni operative ; 368.461km di tracciato; e un totale di 1355 km includendo tutti i binari. Nel 2007, la metropolitana ha trasportato oltre 1.562 miliardi di passeggeri, per una media di oltre 5 milioni ogni giorno lavorativo, 2.9 milioni il sabato e 2.2 milioni la domenica. Il servizio è effettuato 24 ore al giorno, 365 giorni l'anno.
Costi:
- $2 una corsa
- $7.5 per un giorno
- $25 per una settimana
- $81 per un mese
L'unico metodo utilizzato per l'accesso è una tessera magnetica con abbonamento o con un credito che puoi consumare e ricaricare quando vuoi.

Ci sono diverse linee che passano sugli stessi binari, alcuni treni non fanno tutte le fermate... e se poi si aggiunge il fatto che ci sono sempre cambiamenti di percorso a causa dei perenni cantieri aperti.... puoi andare avanti e indietro molte volte prima di capire come raggiungere la tua meta.

Ve ne racconto una: stavo andando a trovare degli amici in un locale nel Lower East Side, fermata Essex. A dire il vero la fermata si chiama Essex/Delancey. E secondo voi che nome c'era nei cartelli? Ovviamente Delancey. Ero già a Brooklyn quando mi accorgo che dovevo scendere 5 fermate prima. Mi butto fuori dal treno alla prima fermata, ma cosa scopro? Becco proprio la fermata che non ha ne sovra- ne sotto- passaggio per andare nell'altra direzione. Unica soluzione? Aspettare il prossimo treno, scendere alla prossima fermata e poi ritornare indietro. Sono in fondo alla stazione quando vedo avvicinarsi un treno molto lentamente, talmente piano che mi sembrava fermo in mezzo alla stazione. Bé, si era effettivamente fermato in mezzo alla stazione, era un treno corto. Aspetto il prossimo treno, mettendomi al centro della stazione, lo prendo, scendo alle fermata successiva, aspetto il treno che va nell'altro senso........... arrivo al mio appuntamento con 2 ore di ritardo! :)

Per concludere: a NY difficilmente ti perdi per le strade tutte allineate e numerate ma le linee metropolitane devi conoscerle bene se non vuoi passarci la serata.

PS: oggi ho avuto 6 ore di meeting mentalmente distruttivi, è anche passata una tempesta e io non me ne sono accorto. Qua si lavora un pò troppo. Mercoledì ho un altro meeting in cui dovremmo fissare finalmente il mio argomento di tesi. Poi dovrò rivedere Weiwei. Voglio dire che Steve mi ha presentato questo studente come il top student del suo corso ma a me non è sembrato sappia granchè, anzi. E guadagna anche più di me!!

PPS: il mistero del topo continua. Da ieri non ho più sentito squittire dietro la cucina pensando fosse morto nella trappola. Invece, oggi l'ho rivisto che passeggiava. O è un altro (e la cosa mi preoccupa alquanto) oppure ha trovato il modo di liberarsi.

5 commenti:

  1. mitico marco.....cmq riguardo il topo...che avesse avuto ragione nicolò....nn mangiando è dimagrito a tal punto da riuscire in qualche modo a scappare...?......:-)...

    RispondiElimina
  2. Enzo, dovresti farti un blog anche tu!

    RispondiElimina
  3. Di recente il tuo coinquilino ti ha mica cucinato qualche coniglietto selvatico fatto a forno con patate ?!?
    Riflettici :-)

    RispondiElimina
  4. hehehe grande marcù.... mi sarebbe piaciuto vedere la tua faccia...heheheheh e cmq accertati che il topo nn sia lo stesso, perchè se fosse un'altro ti vorrei ricordare una cosa schifosa... ovvero che a lungo andare il morto puzza...ti voglio bene

    RispondiElimina
  5. Mi fa piacere che qualcuno di voi stia ancora leggendo questo blog :)
    Giacomo: ha cucinato pollo qualche giorno fa... se era topo devo dire che il gusto è molto simile ahahah
    Pia: ho paura a smuovere la cucina per vedere la trappola che c'è sotto. Mi immagino la scena che muovo la cucina e mi escono 10 topi e mi salgono addosso.

    RispondiElimina